.
Annunci online

Ghiandaiedapicchiata
Eco di passi nella memoria/ giù per il corridoio che non prendemmo/verso la porta che non aprimmo/noi nel giardino delle rose
3 maggio 2008
autoritratto
Era uno di quei tipi che, dovendo fare una cosa, ci pensano per generazioni.

Analizzava e scomponeva il tutto nei singoli fattori costituenti, interpolava dati oggettivi e considerazioni proprie per avere un quadro sì personale, ma non troppo. Parzializzante, più che parziale.

Mai sazio si concentrava sui minimi dettagli – ah, che passione aveva per quelli! A furia di, il pensiero di fare la cosa diventava più appassionante dell'azione stessa. Tanto più stimolante, quanto più nitido.
Immaginava il moto del gesto, la traiettoria esatta del divenire: la reazione dell’ambiente circostante una volta mossa la situazione.
Dato il La, come si suole.

Riscaldava il pensiero al fuoco del Desidero prima e lo bombardava a freddo con le particelle alfa del Dubbio e della Paura poi. Raffrontava mentalmente i risultati nei due casi e le loro mutue differenze, li annotava disciplinatamente e riniziava i calcoli:

- su un piano ideale.
- con attrito nullo.
- a gravità zero.
- in presenza di solidi a quattro (o più) dimensioni.
- in una camera anecoica.
- nella galleria del vento.
- a contatto con l’antimateria.

A un qualsiasi osservatore esterno questo immobile procrastinare, questo vegetativo stato di catarsi, questo rimuginìo inutilissimo ai fini del risultato, risultava sovente insopportabile.

In compenso, il suo improvviso mettersi in moto era affascinante.
Senza preavviso alcuno, cerimoniosità o causa apparente.
Come un autistico o un sonnambulo.
Per fare, senza mutare espressione, quella stessa cosa.
Ragionata così tanto da essere ormai astratta.

Impiegando raramente più di una ventina di secondi.
Ed esclamando spesso, tra sè e sè, conclusa l'operazione:
“ecco”.






permalink | inviato da Ghiandaiedapicchiata il 3/5/2008 alle 21:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte



La gente esige la libertà di parola per compensare la libertà di pensiero, che invece rifugge.
(Sören Kierkegaard)



La giustizia non è ardore giovanile e decisione energica e impetuosa: giustizia è malinconia. (T. Mann)




Dove non c’è umorismo non c’è umanità; dove non c’è umorismo (questa libertà che si prende, questo distacco di fronte a se stessi) c’è il campo di concentramento.(Eugène Ionesco)




Non è il demone che sceglierà la vostra sorte, ma siete voi che sceglierete il vostro demone. Platone




La conversazione è feconda soltanto tra spiriti dediti a consolidare la propria perplessità. Emil Cioran




Non capisco bene perché gli uomini che credono agli elettroni si considerino meno creduli degli uomini che credono agli angeli. George Bernard Shaw




Non tutte le verità son per tutte le orecchie. Umberto Eco




I cattolici e i comunisti sono simili nel considerare che quelli che non hanno le loro convinzioni non possono essere sia onesti sia intelligenti. George Orwell




Ardo dal desiderio di spiegare, e la mia massima soddisfazione è prendere qualcosa di ragionevolmente intricato e renderlo chiaro passo dopo passo. È il modo più facile per chiarire le cose a me stesso. Isaac Asimov




In Italia i fascisti si dividono in due categorie: i fascisti e gli antifascisti. Ennio Flaiano



Non è vero che in Italia non esiste giustizia. E' invece vero che non bisogna mai chiederla al giudice, bensì al deputato, al ministro, al giornalista, all'avvocato influente. La cosa si può trovare: l'indirizzo è sbagliato.









IL CANNOCCHIALE