.
Annunci online

Ghiandaiedapicchiata
Eco di passi nella memoria/ giù per il corridoio che non prendemmo/verso la porta che non aprimmo/noi nel giardino delle rose
3 maggio 2008
autoritratto
Era uno di quei tipi che, dovendo fare una cosa, ci pensano per generazioni.

Analizzava e scomponeva il tutto nei singoli fattori costituenti, interpolava dati oggettivi e considerazioni proprie per avere un quadro sì personale, ma non troppo. Parzializzante, più che parziale.

Mai sazio si concentrava sui minimi dettagli – ah, che passione aveva per quelli! A furia di, il pensiero di fare la cosa diventava più appassionante dell'azione stessa. Tanto più stimolante, quanto più nitido.
Immaginava il moto del gesto, la traiettoria esatta del divenire: la reazione dell’ambiente circostante una volta mossa la situazione.
Dato il La, come si suole.

Riscaldava il pensiero al fuoco del Desidero prima e lo bombardava a freddo con le particelle alfa del Dubbio e della Paura poi. Raffrontava mentalmente i risultati nei due casi e le loro mutue differenze, li annotava disciplinatamente e riniziava i calcoli:

- su un piano ideale.
- con attrito nullo.
- a gravità zero.
- in presenza di solidi a quattro (o più) dimensioni.
- in una camera anecoica.
- nella galleria del vento.
- a contatto con l’antimateria.

A un qualsiasi osservatore esterno questo immobile procrastinare, questo vegetativo stato di catarsi, questo rimuginìo inutilissimo ai fini del risultato, risultava sovente insopportabile.

In compenso, il suo improvviso mettersi in moto era affascinante.
Senza preavviso alcuno, cerimoniosità o causa apparente.
Come un autistico o un sonnambulo.
Per fare, senza mutare espressione, quella stessa cosa.
Ragionata così tanto da essere ormai astratta.

Impiegando raramente più di una ventina di secondi.
Ed esclamando spesso, tra sè e sè, conclusa l'operazione:
“ecco”.






permalink | inviato da Ghiandaiedapicchiata il 3/5/2008 alle 21:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
10 aprile 2008
memento
Ogni problema ha nascosta in sé un'opportunità tale da ridimensionare letteralmente il problema stesso. I maggiori successi sono infatti stati ottenuti da quelle persone che esaminando un problema sono riuscite a trasformarlo in un'opportunità.

                                 



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. j. sugarman

permalink | inviato da Ghiandaiedapicchiata il 10/4/2008 alle 20:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
30 marzo 2008
constatazioni
« Sapevo di averlo generato mortale. »

(Anassagora, rispondendo a colui che lo informava della morte del figlio)
 
                              

                         

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. anassagora; eee ; (L);

permalink | inviato da Ghiandaiedapicchiata il 30/3/2008 alle 19:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa
25 marzo 2008
Sursum corda
Io scrivo perché sento il bisogno innato di scrivere. Scrivo perché non posso fare un lavoro normale, come gli altri. Scrivo perché voglio leggere libri come quelli che scrivo. Scrivo perché ce l'ho con voi, con tutti. Scrivo perché mi piace stare seduto in una stanza a scrivere tutto il giorno. Scrivo perché posso sopportare la realtà soltanto trasformandola. Scrivo perché amo l'odore della carta, della penna e dell'inchiostro. Scrivo perché credo nella letteratura, nell'arte del romanzo, più di quanto io creda in qualunque altra cosa. Scrivo per abitudine, per passione. Scrivo perché ho paura di essere dimenticato. Scrivo perché apprezzo la fama e l'interesse che ne derivano. Scrivo per star solo. Forse scrivo perché cerco di capire il motivo per cui ce l'ho con voi, con tutti. Scrivo perché mi piace essere letto. Scrivo perché una volta che ho iniziato un romanzo, un saggio, una pagina, voglio finirli. Scrivo perché tutti se lo aspettano da me. Scrivo perché come un bambino credo nell'immortalità delle biblioteche e nella posizione che i miei libri occupano sugli scaffali. Scrivo perché la vita, il mondo, tutto è incredibilmente bello e sorprendente. Scrivo perché è esaltante trasformare in parole tutte le bellezze e ricchezze della vita. Scrivo non per raccontare una storia ma per costruirla. Scrivo per sfuggire alla sensazione di essere diretto in un luogo che, come in un sogno, non riesco a raggiungere. Scrivo perché non sono mai riuscito ad essere felice. Scrivo per essere felice.


21 febbraio 2008
Itaca

Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga,
fertile in avventure e in esperienze.
I Lestrigoni e i Ciclopi
o la furia di Nettuno non temere,
non sara` questo il genere di incontri
se il pensiero resta alto e un sentimento
fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo.
In Ciclopi e Lestrigoni, no certo,
ne' nell'irato Nettuno incapperai
se non li porti dentro
se l'anima non te li mette contro.

Devi augurarti che la strada sia lunga.
Che i mattini d'estate siano tanti
[...]


Sempre devi avere in mente Itaca -
raggiungerla sia il pensiero costante.
Soprattutto, non affrettare il viaggio;
fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio
metta piede sull'isola, tu, ricco
dei tesori accumulati per strada
senza aspettarti ricchezze da Itaca.
Itaca ti ha dato il bel viaggio,
senza di lei mai ti saresti messo
sulla strada: che cos'altro ti aspetti?

E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso.
Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso
già tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. k. kavafis

permalink | inviato da Ghiandaiedapicchiata il 21/2/2008 alle 16:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
2 febbraio 2008
perchè è più caldo di un pullover di lana....
'quando si annega nel citazionismo vuol dire che c' è molto più di qualcosa che non va...'
hai proprio ragione, amico mio, ma non chiedermi cos'è, perchè non so risponderti. so solo che mi sono convertita al minuscolo; dopo il punto, coi nomi propri di persona, di città, di fiume, di mare e di continente. le esigenze di maiuscolo le sopperisco prendendo in prestito dalla saggezza altrui.
grazie però.
(e rigrazie)




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. §§§

permalink | inviato da Ghiandaiedapicchiata il 2/2/2008 alle 19:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
29 novembre 2007
Parassitando...
Non so essere utile nemmeno sentendo, non so essere pratico, quotidiano, nitido, non so avere un posto nella vita, un destino fra gli uomini, un'opera, una forza, una volontà, un orto…

( da "Poesie di Álvaro de Campos" )



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pessoa

permalink | inviato da Ghiandaiedapicchiata il 29/11/2007 alle 10:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
27 novembre 2007
Ode alla notte
[...]
Vieni solennissima,
solennissima e colma
di una nascosta voglia di singhiozzare,

forse perchè grande è l'anima e piccola è la vita,
e non tutti i gesti possono uscire dal nostro corpo,
e arriviamo solo fin dove arriva il nostro braccio
e vediamo solo fin dove vede il nostro sguardo.
Vieni, dolorosa,

Mater Dolorosa delle Angosce dei Timidi,
Turris Eburnea delle Tristezze dei Disprezzati,
fresca mano sulla fronte-febbricitante degli Umili,
sapore d'acqua di fonte sulle labbra riarse degli Stanchi.
Vieni, dal fondo

dell'orizzonte livido,
vieni e strappami
dal suolo dell'angustia in cui io vegeto,
dal suolo di inquietudine e vita-di-troppo e false sensazioni
dal quale naturalmente sono spuntato.

[...]
F. Pessoa




 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. notte

permalink | inviato da Ghiandaiedapicchiata il 27/11/2007 alle 20:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
6 agosto 2004
L' età chiedeva
L' età voleva che cantassimo
e ci tagliò la lingua.
L' età chiedeva che sgorgassimo
e tappò la bottiglia col turacciolo.
L' età chiedeva che ballassimo
e c' infilò due braghe di bandone.
E alla fine l' età riceveva
nè più nè meno della merda che chiedeva.
 



permalink | inviato da il 6/8/2004 alle 0:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
2 agosto 2004
Titolo
Poichè abbiamo i pensieri più lunghi
   E preso la via più breve che c' è intorno.
E ballato alle ariette del demonio,
   Pregando pavidi al ritorno;
Per servire un padrone di notte,
    E un altro di giorno.
 



permalink | inviato da il 2/8/2004 alle 14:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
12 luglio 2004
e a proposito di ponte...

... ho appena avuto un' idea innovativa per salvaguardare la natura e collegare la penisola con le isole.Il mio proverbiale buon senso non sbaglia mai.

Che ne dite? Io la trovo rivoluzionaria e indolore. Sono la persona giusta al momento giusto. C' è un problema? Lo risolvo! Non c'è? Lo creo! Votatela!

 




permalink | inviato da il 12/7/2004 alle 16:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
18 giugno 2004
Serial Killer

 No! Non voglio farti del male, fratello mio. Non credere, perchè ho un coltello in mano, e tu mi vedi quest'arma a tracolla, e le bombe che pendono dal mio vestito come bizzarri ornamenti, collane di scomparse tribù.. Non avere paura, perchè porto il coltello tra i denti e agito il fucile come emblema virile. Non avere paura della mia trentotto, che porto qui nel petto. Di questo, invece, devi avere paura: io sono un uomo come te. 




permalink | inviato da il 18/6/2004 alle 18:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
28 maggio 2004
I cani sciolti
L’uomo è un animale socievole;
quando incontra qualcuno che la pensa come lui,
scodinzola.



permalink | inviato da il 28/5/2004 alle 1:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte



La gente esige la libertà di parola per compensare la libertà di pensiero, che invece rifugge.
(Sören Kierkegaard)



La giustizia non è ardore giovanile e decisione energica e impetuosa: giustizia è malinconia. (T. Mann)




Dove non c’è umorismo non c’è umanità; dove non c’è umorismo (questa libertà che si prende, questo distacco di fronte a se stessi) c’è il campo di concentramento.(Eugène Ionesco)




Non è il demone che sceglierà la vostra sorte, ma siete voi che sceglierete il vostro demone. Platone




La conversazione è feconda soltanto tra spiriti dediti a consolidare la propria perplessità. Emil Cioran




Non capisco bene perché gli uomini che credono agli elettroni si considerino meno creduli degli uomini che credono agli angeli. George Bernard Shaw




Non tutte le verità son per tutte le orecchie. Umberto Eco




I cattolici e i comunisti sono simili nel considerare che quelli che non hanno le loro convinzioni non possono essere sia onesti sia intelligenti. George Orwell




Ardo dal desiderio di spiegare, e la mia massima soddisfazione è prendere qualcosa di ragionevolmente intricato e renderlo chiaro passo dopo passo. È il modo più facile per chiarire le cose a me stesso. Isaac Asimov




In Italia i fascisti si dividono in due categorie: i fascisti e gli antifascisti. Ennio Flaiano



Non è vero che in Italia non esiste giustizia. E' invece vero che non bisogna mai chiederla al giudice, bensì al deputato, al ministro, al giornalista, all'avvocato influente. La cosa si può trovare: l'indirizzo è sbagliato.









IL CANNOCCHIALE