Blog: http://Ghiandaiedapicchiata.ilcannocchiale.it

Ode alla notte

[...]
Vieni solennissima,
solennissima e colma
di una nascosta voglia di singhiozzare,

forse perchè grande è l'anima e piccola è la vita,
e non tutti i gesti possono uscire dal nostro corpo,
e arriviamo solo fin dove arriva il nostro braccio
e vediamo solo fin dove vede il nostro sguardo.
Vieni, dolorosa,

Mater Dolorosa delle Angosce dei Timidi,
Turris Eburnea delle Tristezze dei Disprezzati,
fresca mano sulla fronte-febbricitante degli Umili,
sapore d'acqua di fonte sulle labbra riarse degli Stanchi.
Vieni, dal fondo

dell'orizzonte livido,
vieni e strappami
dal suolo dell'angustia in cui io vegeto,
dal suolo di inquietudine e vita-di-troppo e false sensazioni
dal quale naturalmente sono spuntato.

[...]
F. Pessoa




 

Pubblicato il 27/11/2007 alle 20.21 nella rubrica Concrete Pacatezze.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web