Blog: http://Ghiandaiedapicchiata.ilcannocchiale.it

Il tesoro sotto il ponte

 Una notte il rabbino Isacco, figlio di Ezechiele, che abitava poveramente a Cracovia ricevette in sogno l'ordine di recarsi nella lontana Praga e una volta laggiù scavare sotto un ponte che portava al palazzo del re, vi avrebbe trovato un tesoro nascosto.
Egli all'inizio non prese sul serio quel sogno, ma poiché si ripeté uguale quattro o cinque volte, infine decise di mettersi in cammino in cerca del tesoro.
Quando però arrivò al ponte, scoprì con sgomento che il ponte era sorvegliato giorno e notte dai soldati. E siccome giorno dopo giorno si recava al ponte senza avere il coraggio di scavare nel punto indicato, alla fine fu notato dal capitano delle guardie, il quale gli si avvicinò e gli chiese amichevolmente se per caso avesse perso qualcosa o se aspettasse qualcuno. Il rabbino, imbarazzato com'era, gli raccontò del sogno che lo aveva spinto fin lì dal suo lontano paese.
Il capitano scoppiò a ridere: "Ma davvero tu hai fatto tutta questa strada a piedi per dar retta a un sogno? Stai fresco a fidarti dei sogni... Allora anch'io, per dar retta a un sogno che faccio ripetutamente, avrei dovuto recarmi nella lontana Cracovia, in casa di un ebreo di nome Isacco, figlio di Ezechiele, per cercare un tesoro sotto la sua stufa... a casa di Isacco di Ezechiele! In una città dove la metà degli uomini si chiamano Isacco di nome e l'altra metà Ezechiele di cognome! Ora starei ancora a mettere a soqquadro quasi tutte le case della città!"
E scoppiò di nuovo a ridere. Isacco allora lo salutò, tornò a casa sua e da sotto la sua stufa dissotterrò il tesoro con il quale costruì poi una sinagoga e visse agiatamente.




                                  

Pubblicato il 31/12/2007 alle 2.19 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web